sabato 18 marzo 2017

Nota sulla laicità

Ultimamente se mi capita di parlare di laicità io la sparo grossa per sgomberare subito il campo: sono per l'eliminazione totale di tutti i simboli religiosi, veli, croci, papaline, kippah, kesa e altre chincaglierie o uniformi o straccetti del genere. Sì, ma come fai a distinguere il significato religioso da quello tradizionale o legato semplicemente alla moda? Ma Infatti non lo distingui, allora l'importante è depotenziare il significato politico del capo o del ninnolo, far capire che fra un Albero Bianco di Gondor e una Mano di Fatima non vi è alcuna differenza, e questa perdita di significato la devi in qualche modo suscitare, anche mettendola giù a muso duro, perché grande è la confusione sotto i cieli e forte è la tentazione di attaccarsi a un qualsiasi oggettino per farne baluardo identitario e bandiera ideologica, l'uomo si abitui a non credere in niente: né con Dio ma per l'appunto nemmeno coi Lumi, perché la mia non vuole essere una rivendicazione della ragione come ultimo e più degno rimedio, semplicemente nessuno ci salverà e questo ce lo dobbiamo ficcare in testa.