giovedì 2 marzo 2017

Cause perse

Il mio argomento contro la ventata di poverismo che ammorba il dibattito politico, soprattutto in famiglia, è che sarebbe meglio puntare idealmente alla ricchezza piuttosto che alla povertà ideale, formulazione che ha pure una sua eleganza ma forse proprio per questo non viene affatto compresa. Soprattutto il concetto di "povertà ideale", e cioè l'idea che nella frugalità risieda la virtù e che sia fondamento della vita felice, la santa morigeratezza che nella giusta dose renderà possibile il benessere di tutti, in un sogno tardo-comunista, o meglio comunitarista, ecco, io questo lo trovo puerile, i miei interlocutori no. Ormai si sono convinti che il capitalismo è fallito e il reddito di cittadinanza verrà a salvarli. Intanto smettiamola di chiamarlo "di cittadinanza", come se spettasse automaticamente a me e per questo pure a Briatore, solo per il fatto di essere italiani. Tapperà tutt'al più qualche buco, i casi di indigenza più conclamati. Del resto quando fiutano il sussidio gli italiani perdono la testa, e allora da capo, se perdono la testa, inutile convincerli del contrario, che ce la sbattano e amen, vi pare?