sabato 11 marzo 2017

18/10

Io avrei una visione più ampia della questione: è Renzi un venditore di pentole? Certamente, ma chi può fare a meno delle pentole oggi come oggi? Del resto chi pensa che ai loro tempi Togliatti e Berlinguer, in quanto veri comunisti, si astenessero dal venderle per deontologia professionale è un illuso, di padelle ne hanno vendute pure loro, e con il doppio fondo, cambiano le tecniche di marketing ma il commercio che si intrattiene con l'elettore è sempre lo stesso. Renzi, dal canto suo, ha questa sua visione del mondo (questa Weltanschauung, disciamo) molto smart, questa sorta di populismo light, di supercazzola dell'entusiasmo e del rinnovamento generazionale, perché bisognerà pur venire incontro al gusto dei giovani (e chiamiamoli "giovani" per carità di patria): questo passa il convento, extra ecclesiam nulla salus.